Evanescence (album)/it

From The Evanescence Reference
Revision as of 07:55, 31 October 2016 by Sweet Sacrifice (talk | contribs) (Outtakes)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search
Evanescence
Album in studio degli Evanescence
Pubblicato 7 ottobre 2011
Registrato febbraio 2010 – giugno 2011; Blackbird Studio, Nashville, Tennessee
Durata 47:14 (Standard version)
61:42 + 38:36 (Deluxe version)
Etichetta Wind-up Records
Produttore Steve Lillywhite (2010)
Nick Raskulinecz (2011)
Evanescence - cronologia
The Open Door
(2006)
Evanescence
(2011)
The Ultimate Collection
(2016)
Singoli
  1. "What You Want"
    Pubblicato: August 9, 2011
  2. "My Heart Is Broken"
    Pubblicato: November 11, 2011
  3. "Lost in Paradise"
    Pubblicato: May 25, 2012
Singoli promozionali
  1. "Made of Stone"
    Pubblicato: febbraio 2012
  2. "The Other Side"
    Pubblicato: 11 giungo 2012
Article.png

Evanescence (album) is available in english. See the article

Evanescence (album) está disponible en español. Ver el artículo

Το άρθρο Evanescence (album) είναι διαθέσιμο στα ελληνικά. Δείτε το άρθρο

Evanescence (album) está disponível em português. Ver o artigo

Evanescence (album) به زبانِ پارسی موجود است. مقاله را از اینجا بخوانید


Evanescence, il terzo album registrato in studio della band, è il successore del secondo album The Open Door, risalente al 2006. La pubblicazione dell'album era stata prevista inizialmente per l'autunno del 2010 ma fu rinviata a causa di una serie di circostanze che hanno indotto la band a spendere un altro anno per migliorare e scrivere del nuovo materiale, nonché a cambiare produttore. Amy ha recentemente annunciato tramite Twitter che l'album sarebbe stato infine pubblicato il 4 ottobre 2011, ma l'uscita è stata posticipata per l'11 ottobre, in edizione ordinaria e speciale (16 tracce, tutti i brani registrati per l'album);[1] la copertina dell'album è stata pubblicata per la prima volta su Amazon.com il 29 agosto 2011.

Concepimento e registrazioni

Sin dalla fine del tour di The Open Door si fecero diverse speculazioni sul fatto che Evanescence avrebbero pubblicato un nuovo album. In una delle prime dichiarazioni sul seguito di The Open Door Amy spiegò brevemente che le canzoni che stava scrivendo non sarebbero necessariamente state inserite nel repertorio degli Evanescence.

Vin1.jpg Ho bisogno di far capire alla gente che riesco a seguire più percorsi artistici. Sto scrivendo a casa da sola ed è veramente bello. Ma mi piacerebbe fare qualcosa di diverso dopo. [Le nuove canzoni] sono decisamente differenti. Mi sento come se stessi tornando alle mie vere origini. Adesso più che mai sento moltissime delle influenze folk e Celtiche. E non tutto è triste -- non è niente che potrei difinire come Evanescence.[2] Vin2.jpg

Il primo annuncio ufficiale fu fatto poco tempo su EvThreads. Amy stessa dichiarò di aver incominciato a scrivere del materiale. Il terzo album era atteso per il 2010.

Vin1.jpg Stiamo attualmente lavorando su nuovo materiale di cui sono molto entusiasta. Io credo che per fare grande musica bisogna concedere a se stessi la liberta di evolversi, di cambiare. Non vedo senso nel fare la stessa registrazione, stesso tipo di musica due volte, quindi voglio sempre sfidare me stessa per fare musica migliore, più forte, e molto più interessante rispetto alla precedente. Questa cosa richiede tempo, ma vale la pena aspettarmi. Con la speranza che sia lo stesso per i fans. Aspettate nuova musica l'anno prossimo...[3] Vin2.jpg

Tenendo i suoi fan aggiornati tramite post pubblicati tramite EvThreads, Amy da alcune vaghe indicazioni sul nuovo materiale degli Evanescence, lasciando intendere che sarebbe stato molto diverso[4].

Durante l'estate del 2009 Amy co-scrisse gran parte delle nuove canzoni con Will B. Hunt (noto anche come Will "Science" Hunt), che aveva già collaborato con Amy in "Sally's Song", a New York e in Texas. Insieme lavorarono su gran parte della programmazione elettronica che sarebbe poi stata inserita nel nuovo album[5][6]. Amy scrisse alcune delle nuove canzoni insieme a Terry Balsamo e Tim McCord[7].

Il 22 febbraio del 2010, gli Evanescence entrano ufficialmente in studio per incominciare le registrazioni del nuovo album con il produttore Steve Lillywhite noto per aver lavorato con band del calibro degli U2 e dei Rolling Stones. Will Hunt ritorna nella band come batterista insieme a Will "Science" Hunt (programmatore e seconda batteria). David Campbell avrebbe collaborato nuovamente con la band per gli arrangiamenti orchestrali.

Le sessioni con Lillywhite (2010)

Nelle interviste Spin.com[8] e Rolling Stone[9], Amy ebbe modo di parlare per la prima volta del processo creativo del nuovo album e del nuovo produttore Steve Lillywhite. Rese noto che la musica sarebbe stata un mix di "aggressione sarcastica" e che avrebbe avuto delle influenze elettroniche ispirate da artisti come Björk, Massive Attack e Portishead. L'album avrebbe dovuto conterete un "arcobaleno di suoni" con alcune canzoni decisamente pesanti ed altre completamente spoglie. Lo scopo della band era anche quello di "prendere suoni sintetici e atmosferici e trovare un modo di attenuare il confine tra naturale e sintetico"[8].

Tra i generi che avrebbero influenzato il nuovo album c'erano il Rock, l'elettronica, il pop, la musica classica, l'hip hop, l'Industrial, l'eastern ed il dark soul. Ci sarebbe stato anche del parlato 'elettronico'.

Steve Lillywhite e Warren Riker in studio per lavorare sul nuovo album degli Evanescence

Un messaggio di Amy su Twitter lascia intendere quali sarebbero stati i temi trattati e i testi contenuti nel nuovo album:

Vin1.jpg RT @: Qualche idea sul titolo dell'album? /Ci sto lavorando su ora. E' complicato perché la musica e i temi sono così diversi tra loro. Volete aiutare?

· Alcune ispirazioni: mondi sconosciuti, l'abisso degli oceani, la vita nei sogni, la forza, la libertà, l'amore e i mentitori

Vin2.jpg

Nonostante l'album sembrasse progredire abbastanza bene, il 21 maggio Amy scrisse un post su EvClub constatando che la band si sarebbe presa un po' di tempo fuori dallo studio per scrivere altra musica:

Vin1.jpg Volevo farvi sapere che abbiamo deciso di prenderci una piccola pausa della registrazioni per lavorare di più sulla musica. C'è dell'altra roba che vorrei fare e voglio rendere questo album il migliore possibile, per questo motivo non sto affrettando i tempi. Significa troppo per me. Prendendo un respiro, scavando più affondo in me stessa e andando avanti con più forza di prima. Come ho già detto, le cose ben fatte richiedono tempo! Vi terrò aggiornati, a presto…

Con amore, Amy

Vin2.jpg

Due mesi dopo Amy dichiarò inoltre che la casa discografica stava attraversando tempi incerti che avrebbero allungato il processo di scrittura del nuovo album[10]. Il silenzio che governò per tutto il resto dell'anno venne interrotto dal batterista della band, Will Hunt, che in un intervista disse che il processo di scrittura stava andando bene e che, negli ultimi mesi, il processo era stato guidato da dinamiche di vera band[11]. Amy pubblicò durante il giorno del suo compleanno un post menzionando al fatto che che era stato un anno difficile ma che lei era nel nord California scivendo della musica insieme a Terry e Tim[12].

Nel febbraio del 2011, Amy postò su EvThreads affermando che la band si sarebbe riunita la settimana successiva per incominciare di nuovo la pre-produzione nel nuovo album. Infine nell'aprile del 2011, la band annunciò che sarebbe entrata in studio l'11 dello stesso mese e che l'album sarebbe stato pubblicato nell'autunno del 2011[13]. Il produttore della band non era più Steve Lillywhite ma Nick Raskulinecz[14].

Le ragioni del ritardo e del campo di produttore vennero spiegate da Amy in un intervista con Spin.com:

Vin1.jpg Nell’insieme non stava uscendo bene. Steve non era la persona giusta. Eravamo in una storta di viaggio sperimentale, in cui abbiamo provato un mucchio di nuovi approcci, cercando di capire ciò che poteva meglio adattarsi. Ho scritto tantissimo senza l’appoggio della band. E poi quando abbiamo tentato di unire i due lavori, non ha funzionato[15]. Vin2.jpg


Le sessioni con Nick Raskulinecz (2011)

Amy Lee in studio con Nick Raskulinecz, il direttore d'orchestra David Campbell e gli archi.

Il progetto elettronico venne quasi del tutto accantonato e ci si orientò verso un progetto molto più improntato sul rock. La pubblicazione dell'album fu quindi rimandata e, il 21 giugno del 2010, Amy dichiarò su EvThreads.com che gli Evanescence avevano temporaneamente lasciato lo studio di registrazione per poter lavorare ulteriormente al nuovo album e "condurre le loro menti in un giusto spazio creativo". Dichiarò inoltre che la casa discografica, la Wind-up Records, stesse attraversando un "periodo incerto", che avrebbe fatto ritardare ulteriormente la pubblicazione dell'album[16]. La band rientrò in studio nell'aprile del 2011 con il produttore Nick Raskulinecz, per continuare a lavorare sul terzo album[17][18].

Troy McLawhorn, che aveva abbandonato la band per stare in gruppo con i Seether, decise di ritornare con gli Evanescence per partecipare anche lui al processo creativo del nuovo album[19]. Secondo quello che dichiarò la moglie di Troy, Amy Anderegg McLawhorn, sarebbe stato Lemmy Kilmister, noto cantante dei Motörhead, a consigliare al chitarrista di unirsi di nuovo agli Evanescence, band di cui non ha mai nascosto una certa ammirazione[20]. Questa è stata una delle motivazioni che ha portato Troy a scegliere gli Evanescence come band definitiva.

La band registrò l'album ai Blackbird Studio di Nashville[21]. Le sessioni con Raskulinecz resero l'album rock[22]. Durante le registrazioni, il produttore Nick Raskulinecz aiutò Amy a risolvere diversi problemi quando l'album era finito[23].

Vin1.jpg Nick è un produttore incredibile. Mi è stato veramente di grande aiuto nell'avere un piano e nell'avere fiducia nelle decisioni che abbiamo fatto. Per quanto mi riguarda, ho molte idee e qualche volta si giunge a “OK, di tutto ciò che sto facendo, ho due opzioni!” Lui è fantastico, mentre sto facendo queste cose gli chiedo dalla stanza vocale o dalla stanza del piano o altro: “Quale di queste cose dovrei fare?”. È bravo nell’aiutarmi a prendere decisioni in modo veloce. Mi fido veramente del suo parere perché ha prodotto grandi album.[23] Vin2.jpg

Del periodo elettronico rimangono ancora dei resti; da un lato si hanno canzoni come Made of Stone, riadattate in chiave più rock, dall'altro abbiamo Swimming Home, "sicuramente il ritratto più fedele della fase elettronica" attraversata dalla band[24].


Tracce

Standard Version tracks

  1. What You Want
  2. Made Of Stone
  3. The Change
  4. My Heart Is Broken
  5. The Other Side
  6. Erase This
  7. Lost In Paradise
  8. Sick
  9. End Of The Dream
  10. Oceans
  11. Never Go Back
  12. Swimming Home

Japanese Standard Version bonus track

  1. The Last Song I'm Wasting On You

Deluxe Version bonus tracks

  1. New Way To Bleed
  2. Say You Will
  3. Disappear‎
  4. Secret Door

Japanese Deluxe Version bonus track

  1. The Last Song I'm Wasting On You

iTunes bonus track

  1. What You Want (Elder Jepson Remix)

Deluxe Version disc 2 (DVD)

  1. "What You Want" (music video)
  2. "Making the What You Want Music Video - Day 1"
  3. "Making the What You Want Music Video - Day 2"
  4. "Behind the Scenes In the Studios"
  5. "Behind the Scenes At the Photoshoot"
  6. On the Songs: Secret Door
  7. On the Songs: The Change
  8. On the Songs: Never Go Back
  9. On the Songs: Made Of Stone
  10. On the Songs: Disappear
  11. On the Songs: What You Want
  12. On the Songs: My Heart Is Broken
  13. On the Songs: Oceans
  14. On the Songs: Lost in Paradise

Outtakes

Artwork

Al contrario delle copertine dei primi due album in attivo degli Evanescence (Fallen e The Open Door), l'album Evanescence non presenta un’immagine della frontwoman Amy Lee, solo e soltanto Amy Lee.

La cover del nuovo album mostra niente di più che il logo della band contornato da effetti luminosi inconsistenti. Mentre qualche fan potrebbe rimanere sconcertato dal design semplice, Amy Lee ha dichiarato ad MTV News che c’è decisamente un messaggio dietro quel minimalismo.

Vin1.jpg Su entrambe le copertine degli album precedenti ci sono io, credo che sia bello avere quelle foto che la gente può guardare e dire “Ok, ecco chi è quella”. Ma credo che ora le persone sappiano chi siamo e volevo qualcosa di completamente diverso.

Non ho voluto mettere una foto sulla copertina, volevo che fosse più misteriosa e che riguardasse gli Evanescence, non soltanto me. [27]

Vin2.jpg

Questo concetto si estende ben oltre la copertina dell’album, come ha spiegato Amy Lee, nel nuovo album, lei ed i suoi compagni, esplorano ogni aspetto della band, iniziando proprio dallo stesso nome. Perchè, per la prima volta, gli Evanescence non sono rappresentati soltanto dalla loro frontwoman. Le canzoni del loro terzo album in uscita, sono il risultato di innumerevoli ore trascorse a trovare il giusto binomio tra ritmo e melodie. Ed è per questo che hanno deciso di intitolare l’album semplicemente "Evanescence".

Vin1.jpg Ho creduto che fosse davvero bella l’idea di non utilizzare una foto all’esterno del disco. Tutte le immagini e gli elementi artistici utilizzati sono un gioco sul significato della parola “Evanescence”. Significa “dissiparsi come il vapore”, quindi ho scelto di usare luce e vapore. Riguarda gli Evanescence, non soltanto me stessa. [27] Vin2.jpg

Tra i crediti dell'album appare, sotto la voce "Art Direction/Package Design", oltre che il nome di Michelle Lukianovich anche quello di Amy Lee.

Crediti

I sono stati presi da Allmusic[28] e dalle note presenti alla fine dell'album.

Lineup

Team di Produzione

  • William B. Hunt - compositore, programmazione
  • Zach Williams - compositore
  • David Campbell - consultant
  • Dave Eggar - violoncello
  • Anja Wood - violoncello
  • Claire Bryant - violoncello
  • Jonathan Dinklage - viola, violino
  • Hiroko Taguchi - viola, violino
  • Entcho Todorov - violino
  • Maxim Moston - violino
  • Suzy Perelman - violino
  • Sarah Pratt - violino
  • Michael Roth - violino
  • Claire Chan - violino
  • Randy Staub - tastiera, programming
  • Peter Donovan - basso
  • Phillis Sparks - instrument technician
  • John Nicholson - drum technician
  • Mike Simmons - bass technician, guitar technician
  • Paul Fig - engineer
  • Nathan Yarborough - assistant engineer
  • Ted Jensen - mastering
  • Randy Staub - mixing
  • Zach Blackstone - mixing assistant
  • Nick Raskulinecz - produttore
  • Gregg Wattenberg - A&R
  • Antoine Silverman - concert master, contractor
  • Chapman Baehler - fotografia
  • Michelle Lukianovich - package design
  • Mike Mongillo - product manager
  • Andrew Lurie - management


Vecchie Sessioni

Note e Fonti

  1. http://www.mtv.com/news/articles/1668421/evanescence-amy-lee-tour.jhtml
  2. http://spin.com/articles/evanescences-amy-lee-its-not-all-sad
  3. http://www.evthreads.com/showthread.php?t=16182
  4. http://www.evthreads.com/showpost.php?p=1188038&postcount=3011
  5. http://www.evthreads.com/showthread.php?p=1128174#post1128174
  6. http://www.rollingstone.com/music/news/evanescence-go-electro-as-lee-has-fun-with-music-on-next-lp-20100302
  7. http://www.spin.com/articles/exclusive-amy-lee-new-evanescence-album
  8. 8.0 8.1 http://www.spin.com/articles/exclusive-amy-lee-new-evanescence-album
  9. http://www.rollingstone.com/music/news/evanescence-go-electro-as-lee-has-fun-with-music-on-next-lp-20100302
  10. [1] - Hey ragazzi, come va? Volevo aggiornarvi su quest'ultimo periodo... Abbiamo trascorso un pò di tempo lontani dallo studio per avere la possibilità di essere creativi, lavorare sulle canzoni e ancora scrivere nuova musica. Terry e io siamo stati un pò di tempo insieme questo mese, lavorando in Jacksonville, un pò come facemmo prima che registrassimo TOD... e tutta la band si riunirà questa settimana per riparlarne. La mia casa discografica ha dovuto far fronte a tempi molto incerti, proprio come tante altre produzioni discografiche, e questo è ciò che ha reso il tutto poco chiaro... Vogliamo davvero essere certi che l'intera "macchina" starà funzionando insieme nel momento in cui dovremo pubblicare l'album... Ci stiamo focalizzando su ciò che sappiamo fare meglio: fare musica. Torneremo in studio a registrare l'album abbastanza presto. Penso che questo tempo in più che stiamo impiegando lo renderà solo più forte, e dopo questi ostacoli staremo tutti meglio. Grazie, sempre e ancora una volta, per essere dei fan così leali e pazienti - credo in questa musica e non vedo l'ora di condividerla con voi. Con affetto... Amy
  11. http://www.radiometal.com/en/article/evanfadead-of-mayhem-society-et-caetera-2,8909
  12. http://www.evthreads.com/showpost.php?p=1484600&postcount=796
  13. http://www.evanescence.com/news.asp
  14. http://www.evthreads.com/showthread.php?p=1535485#post1535485
  15. http://www.spin.com/articles/amy-lee-talks-evanescences-comeback-lp
  16. Template:Cita news
  17. Template:Cita web
  18. Template:Cita web
  19. Template:Cita web
  20. Vedi l'articolo e il commento lasciato tramite l'account di Amy Anderegg McLawhorn subito dopo.
  21. Template:Cita news
  22. Template:Cita web
  23. 23.0 23.1 Template:Cita news
  24. Evanescence 'embarrassed' by new single - video | News | NME.COM
  25. https://twitter.com/JhonnyFinotti/status/792498654917582849?ref_src=twsrc%5Etfw
  26. Non esiste alcuna fonte ufficiale che certifichi l'esistenza di questo outtake. Il titolo di questa traccia (non si sa se sia una rivisitazione della vecchia Understanding) è stato diffuso sottobanco insieme agli altri nomi della tracklist; ad accreditare tale fonte come veritiera è stato il fatto che in seguito i nomi delle tracce sono stati tutti confermati; tutti ad eccezione di "Understanding". Il che la rende un possibile outtake.
  27. 27.0 27.1 http://www.mtv.com/news/articles/1670728/evanescence-album-artwork.jhtml
  28. http://www.allmusic.com/album/evanescence-r2266979/credits
  29. http://www.rollingstone.com/rockdaily/index.php/2010/03/02/evanescence-go-electro-as-lee-has-fun-with-music-on-next-lp/
  30. http://www.evanescencewebsite.com/Interviews.php Read the Steve Lillywhite East Village Radio interview with Amy Lee